Appunti spirituali

RB 6,8 – Le buffonerie poi, le parole vane e volgari che possono incitare al riuso smodato, le escludiamo per sempre e nel modo più assoluto da tutto l’ambito del monastero, e non permettiamo che il discepolo apra la bocca a così indegne espressioni. In monastero non è bandito il sorriso e il riso, non 

Continua a leggere

RB 6,6-7 – Parlare e insegnare è compito del maestro; tacere e ascoltare, invece, si addice al discepolo. Pertanto, quando si ha qualcosa da domandare a un superiore, lo si faccia con tutta umiltà e rispettosa sottomissione. Tra le parole buone e sante tali da edificare vi è l’insegnamento del superiore, questi ha infatti il 

Continua a leggere

RB 6,3-5 – Per custodire, dunque, pienamente la gravità del silenzio, non si conceda che raramente, e soltanto ai discepoli spiritualmente più maturi, il permesso di parlare, sia pure di cose buone, sante e tali da edificare. Sta scritto infatti: Nel molto parlare  non eviterai il peccato, e altrove: Morte e vita sono in potere 

Continua a leggere

RB 5,19 – Inoltre per un’obbedienza fatta in tal modo il discepolo non ottiene alcun frutto spirituale, anzi, se non si corregge e non ne fa la dovuta penitenza, incorre nella pena dei mormoratori. L’obbedienza ha come scopo portare “frutti spirituali” cioè il progredire nella vita spirituale. Essa ci permette di progredire, cioè di avanzare 

Continua a leggere

RB 5,14 – Questa obbedienza, però, sarà gradita a Dio e dolce agli uomini soltanto se l’ordine sarà eseguito senza esitazione, senza indolenza e tiepidezza, senza mormorazione o esplicito rifiuto. La sequenza di atteggiamenti presentata da Benedetto: esitazione, indolenza, tiepidezza, mormorazione, esplicito rifiuto, riassumono le tappe che portano al rifiuto e ci mostrano come si 

Continua a leggere

RB 5,12-13 – Essi perciò non vivono a loro arbitrio, non si lasciano dominare dalle loro voglie capricciose e istintive, ma piuttosto camminano lasciandosi guidare dall’altrui giudizio e comando. Dimorando stabilmente nel cenobio, desiderano avere un abate cui obbedire. Uomini simili si conformano certamente alla parola del Signore che dice: Non sono venuto per fare 

Continua a leggere

RB 5,9-11 – Avviene perciò che, prendendo impulso dal timor di Dio, l’ordine dato dal maestro e la perfetta esecuzione del discepolo procedono insieme, rapidissimi, con una simultaneità sorprendente. E questo si verifica in quelli che, spinti dall’amore, sentono l’urgenza di raggiungere la vita eterna. Intraprendono così la via stretta di cui il Signore dice: 

Continua a leggere

Progetti comunità

Già dal 2011 in comunità si era iniziato a parlare...
Leggi l'articolo