Appunti spirituali

RB 5,19 – Inoltre per un’obbedienza fatta in tal modo il discepolo non ottiene alcun frutto spirituale, anzi, se non si corregge e non ne fa la dovuta penitenza, incorre nella pena dei mormoratori. L’obbedienza ha come scopo portare “frutti spirituali” cioè il progredire nella vita spirituale. Essa ci permette di progredire, cioè di avanzare 

Continua a leggere

RB 5,14 – Questa obbedienza, però, sarà gradita a Dio e dolce agli uomini soltanto se l’ordine sarà eseguito senza esitazione, senza indolenza e tiepidezza, senza mormorazione o esplicito rifiuto. La sequenza di atteggiamenti presentata da Benedetto: esitazione, indolenza, tiepidezza, mormorazione, esplicito rifiuto, riassumono le tappe che portano al rifiuto e ci mostrano come si 

Continua a leggere

RB 5,12-13 – Essi perciò non vivono a loro arbitrio, non si lasciano dominare dalle loro voglie capricciose e istintive, ma piuttosto camminano lasciandosi guidare dall’altrui giudizio e comando. Dimorando stabilmente nel cenobio, desiderano avere un abate cui obbedire. Uomini simili si conformano certamente alla parola del Signore che dice: Non sono venuto per fare 

Continua a leggere

RB 5,9-11 – Avviene perciò che, prendendo impulso dal timor di Dio, l’ordine dato dal maestro e la perfetta esecuzione del discepolo procedono insieme, rapidissimi, con una simultaneità sorprendente. E questo si verifica in quelli che, spinti dall’amore, sentono l’urgenza di raggiungere la vita eterna. Intraprendono così la via stretta di cui il Signore dice: 

Continua a leggere

RB 5,7-8 – Uomini di simile tempra interrompono dunque all’istante le loro occupazioni; si staccano dalla loro volontà. Subito pronti, le mani libere, lasciano incompiuto ciò che stavano facendo, e con una obbedienza che mette ali ai piedi, seguono immediatamente la voce di chi comanda. Questo interrompere quanto si sta facendo non vuole far venir 

Continua a leggere

RB 5,5-6 – Proprio di costoro il Signore dice: All’udirmi, subito mi obbedivano. E ancora, rivolgendosi ai maestri della fede, egli dichiara: Chi ascolta voi, ascolta me. Benedetto cita due versetti, uno tratto dal salmo 18 e il secondo dal vangelo di Luca, per ricordarci l’orizzonte nel quale va posta l’obbedienza. Il nostro desiderio di 

Continua a leggere

RB 5,3-4 – Questi dunque, o a causa del santo servizio assunto con la professione monastica o perché presi dal timore dell’inferno o accesi dal desiderio della vita eterna, appena un superiore ordina loro qualcosa, come se fosse veramente comandato da Dio, non possono sopportare alcun indugio nel compierla. Proprio di costoro il Signore dice: 

Continua a leggere

RB 5,1-2 – Il primo grado di umiltà è l’obbedienza immediata. Essa è propria di coloro che ritengono di non avere assolutamente nulla di più caro di Cristo. Questo capitolo è dedicato all’obbedienza, ma incomincia parlando di umiltà. Questo per orientarci a capire di che tipo di obbedienza si tratta. Etimologicamente obbedire significa ascoltare (ob 

Continua a leggere

Progetti comunità

Già dal 2011 in comunità si era iniziato a parlare...
Leggi l'articolo